una storia da raccontare

6 04 2009

Un mese e mezzo.

E tanti, troppi motivi.

Qualche strada abbandonata, qualche altro sentiero solcato.

E si torna nella breccia. Come e più di prima.

Voglio condividere con voi questa lettera che ho scritto a tutti i ragazzi che hanno partecipato ai laboratori di cinema sui modelli narrativi del racconto: si tratta di un’introduzione che ho scritto oggi pomeriggio, quasi di getto, di fronte all’immane tragedia di centinaia di vite appese a un filo.

Arezzo, 6 Aprile 2009

Carissimi ragazzi,

vi scrivo questa manciata di righe come anticamera al racconto della grande avventura che abbiamo vissuto assieme, e non posso lasciare scorrere la drammatica evidenza delle notizie che stanno scorrendo proprio adesso sulla mia tv, sullo schermo del mio computer, dalle casse della mia audio e dalle tante voci di amici e familiari che mi circondano.

Ricordo nettamente cosa accadde undici anni fa, quando stavate sbocciando alla vita di questo mondo, lungo quell’autostrada che mi avrebbe portato ad affrontare un periodo difficile ed aspro della mia adolescenza: la mia colonna vertebrale era diversa da tutte le altre, perché accusava problemi genetici dovuti ad una doppia scoliosi quasi incurabile. Per cinque anni ho dovuto convivere, giorno dopo giorno, con un busto ortopedico in vetroresina: immaginatevi un’armatura di plastica abbastanza lunga da percorrere la distanza dal mento alle anche e fasciatevela strettissima intorno alla vita, potreste rendervi conto delle condizioni in cui ho versato.

Ma non sono qui per raccontarvi un’altra storia – giusto per restare in tema con i nostri laboratori –, non fosse altro che quella storia si è conclusa nel migliore dei modi, e porto sempre con me le gioie ed i dolori di quegli anni preziosi: vi stavo descrivendo fra le righe quel che accadde in mezzo ad un’autostrada, qualcosa che mai avrei creduto.

Un sussulto, un’altra scossa e qualcosa che trema in lontananza.

Poi, il silenzio.

Mio padre si sintonizzò sul primo radiogiornale disponibile: un terremoto terrificante aveva colpito la regione dell’Umbria, mettendo in ginocchio decine di paesi e migliaia di vite.

Oggi, a undici anni di distanza, un sisma drammatico mi ha ricordato tutto quel dolore, tutta quella fatica, tutto quel dramma che solcava le rughe dei più anziani e le mani dei più giovani.

Oggi, qualcuno di quegli anziani non c’è più, e qualcuno di quei giovani è cresciuto con il ricordo di una tragedia disastrosa.

Oggi, altre rughe ed altre mani tornano a scavare.

E oggi mia mamma compie quarantotto anni, lei che ora sta vedendo in silenzio decine di famiglie distrutte.

Che siate credenti o meno, sono certo che farete vostro il tesoro della condivisione: tantissimi vostri coetanei si sono trovati d’un tratto senza nessuna storia da raccontare, se non quella che ha visto sgretolare il loro tetto.

Vi porto con me nei gesti e nei pensieri, nei colloqui con i professori di Università e durante le mie lezioni.

Spero vivamente di potervi ritrovare il prossimo anno assieme ai vostri straordinari professori.

Vi saluto di cuore, e con voi tutte le vostre famiglie, i vostri amici e anche coloro che non vi stanno troppo simpatici.

Perché anche loro, di certo, hanno una storia da raccontarvi.

Fraternamente,

Giovanni

Annunci




Progetto Cinema

14 01 2009

I più attenti di voi, quelli che magari navigano in questo blog per i video didattici dei corsi universitari o per lasciare un commento all’ennesima divagazione possibile del sottoscritto, avranno sicuramente notato una finestrella nero traslucida dal nome forse un po’ polveroso: CINEFORUM.

E’ un termine che non condivido molto, più che altro perché, sebbene in teoria richiami l’idea della condivisione di idee di fronte ad un telo di proiezione, è stato poi abusato senza mezzi termini, diventando, di fatto, un pretesto per piazzare un gruppo di persone davanti allo stesso telo per fargli sorbire chissà quale opera cinematografica.

Non c’è crescita, così, e l’idea di travasare conoscenze mi è sempre sembrata poco costruttiva, persino se si tratta dell’acqua dei vasi comunicanti.

Da sabato prossimo inizierò un ciclo di laboratori telecinematografici sui modelli narrativi di un racconto: potete trovare altre informazioni a riguardo nella pagina del blog che ha lo stesso titolo di questo articolo.

Potrete esplorare anche voi i contenuti che ho inserito nel box di download a fianco di questo articolo, e, se volete, commentare tutto il resto nella pagina del Progetto.

A tutti i ragazzi che incontrerò, ai loro insegnanti e alle loro famiglie voglio dedicare questa mirabile performance del Maestro Ennio Morricone sul tema musicale di uno dei film più intimi, profondi e sentiti sulla vita di celluloide: Nuovo Cinema Paradiso.





corsi e ricorsi

3 11 2008

Correva l’anno della mia maturità, oramai quasi un lustro di distanza.

Lo chiamano esame di stato, ma è più bello sapere che dentro ognuno di noi, in quel momento, qualcosa cambia.

E ti cambia, in ogni caso.

 

Le mie peregrinazioni universitarie mi hanno portato lontano da tanti amici con i quali ho condiviso cinque anni di studi classici…Ma è proprio quando meno te lo aspetti che sembra quasi di tornare indietro a sfogliare di nuovo quelle pagine tanto amate.

Si chiama Nadia, è una mia cara amica di studi superiori: l’ho incrociata oggi tra le mille strade di ogni giorno, e mi ha fatto ricordare quanto fossimo giovani allora.

Anzi, no. Eravamo semplicemente più giovani.

 

A lei, e a tutti i miei compagni di liceo, un abbraccio fraterno ed un augurio di poterci di nuovo incrociare fra quelle mille strade di ogni giorno.

Perchè, in ultima analisi, non credo che ci sia qualcosa, in questo strano e pazzo mondo, che accada veramente per caso.