DVD Cloverfield

Titolo originale: CLOVERFIELD

 

Anno: 2008

 

Produzione e Distribuzione: Paramount Pictures – Bad Robot

 

Regia: Matt Reeves

 

Cast e Personaggi principali:

Michael Stahl-David…………Robert Hawkins

Mike Vogel……………………Jason Hawkins

Lizzly Kaplan…………………Marlena

Jessica Lucas…………………Lily

T.J. Miller…………………….Hud

 

locandina

locandina

 

Durante una festa a sorpresa per un trasferimento di lavoro, la vita intensa degli abitanti di New York viene letteralmente sconvolta dalla minaccia mortale di un mostro che seminerà terrore e panico tra le strade della Grande Mela, trasformata d’un tratto in un titanico campo di battaglia.

 

 

Con la benedizione di quel genio creativo di J.J. Abrams (padre, fra l’altro, di grandi serie televisive del calibro di Firefly, Alias e soprattutto Lost), Cloverfield è un film che deve suscitare qualcosa.

Detestabile per alcuni, adorabile per altri, questo disaster movie che attinge a piene mani dall’immaginario collettivo metropolitano ha gettato talmente tanta benzina sul fuoco che non si può rimanere impassibili di fronte a questa babele presa di peso dalla Generazione youtube.

La trama, giustamente a primo acchito esile e scontata, è un giusto pretesto per gettare l’incauto spettatore in una mischia senza precedenti, soprattutto grazie alle inquadrature immortalate da una comunissima videocamera amatoriale che documenterà ogni singolo istante di questa catastrofe.

C’è spazio davvero per tutto: commedia leggera, dramma, horror e persino una storia d’amore echeggiano tra le immense pareti di vetro dei palazzi newyorkesi che diventano il teatro di una furia incontrollabile, quella di una creatura sbucata fuori dal nulla e nata per il puro sterminio.

Eppure non c’è il clamore tipicamente hollywoodiano di certe pellicole di genere: il punto di vista viene focalizzato costantemente sulle emozioni angosciose e speranzose di questi personaggi comuni, rifrazione credibile di un cittadino qualunque che, senza nemmeno accorgersene, si trova circondato da carri armati ed abomini di qualunque genere.

Non solo, ma la regia si spinge ben oltre: il tocco stilistico che traspare negli spasmi visivi di questi fotogrammi al cardiopalma (vi garantisco che la proiezione cinematografica è il miglior terreno di prova per una resa già di suo dinamica e volutamente difficile da sopportare) si avvale di tantissime alterazioni, giocando con una serie di rimandi semplici ma geniali come l’accavallarsi di più registrazioni sul nastro (che, come si scopre nel corso della storia, era stato utilizzato da uno dei protagonisti durante un momento molto speciale della sua vita).

L’obiettivo, allora, è centrato in pieno: senza mettere in risalto nessun grande nome sul palco recitativo, e con una campagna pubblicitaria virale che ha saputo sfruttare con grande maestria e abilità i mass media, Cloverfield riesce a trasmettere in pieno le inquietudini dei nostri giorni, materializzando l’inferno delle nostre paure più recondite in una serie di eventi che dobbiamo accettare per quel che sono, ovvero le incidenze che segnano il passo tra la vita e la morte.

Lo si ama o lo si odia, in definitiva, perché non possono esistere mezze misure in questa storia che ha ridato nuova linfa a una categoria filmica inflazionata e divenuta incapace di dire qualcosa di nuovo.

 

Di certo alcune sequenze rimarranno impresse nel gergo comune del miracolo cinematografico, come le prime, spaventose avvisaglie della distruzione totale che non esitano a sradicare il senso dell’autocontrollo, portando lo spettatore in rotta di collisione con la destrutturazione globale della spietata legge di sopravvivenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: